VERTOSAN

Vertosan ha la propria sede produttiva a Châtillon, nella valle centrale della Dora Baltea, tra la Dora e il torrente Marmore, all'ingresso della Valtournenche.
Produce e commercializza liquori e infusi a forte connotazione territoriale. Le ricette storiche, acquisite con il marchio Vertosan, sono state attualizzate dalla famiglia Bernardini rispettandone le caratteristiche di piacevolezza e tradizione.

Il nostro impegno è mantenere e trasmettere intatti i profumi, gli aromi e le caratteristiche che contraddistinguono le erbe officinali dalle quali nascono i nostri prodotti”.
LA STORIA

La famiglia Bernardini è nel settore enogastronomico da molto tempo e nel 2007 intraprende una nuova avventura rilevando il marchio Vertosan. L’artigianalità e il profondo legame con il territorio caratterizzano l’azienda dalla sua nascita nei primi anni 70 e il suo amaro “Ciardon”, a base di cardo mariano, e il liquore di genepì, declinato in diverse tipologie e gradazioni, diventano i fiori all’occhiello della produzione.

Nel rispetto di questa tradizione, la famiglia Bernardini ha aggiunto il suo tocco personale alla produzione, portando avanti con zelo e passione la ricerca di nuovi sapori nel laboratorio di Châtillon. Nel 2010, la “nuova” Vertosan attualizza le antiche ricette e introduce altri infusi a forte connotazione territoriale, tra questi anche una selezione di grappe da monovitigno della Valle D’Aosta.

La scelta delle materie prime è essenziale per ottenere risultati eccellenti e la famiglia Bernardini dedica la massima cura nel selezionare in prima persona solo il meglio. La stessa attenzione ai dettagli si ritrova anche nelle fasi di produzione e commercializzazione dei prodotti, a cominciare dall’estetica, perché “si beve anche con gli occhi”. I prodotti Vertosan si rivestono di un’aria garbatamente vintage a partire dalla bottiglia ancora quella originale degli anni 70 personalizzata dalla scritta Vertosan in rilievo sulla spalla.

Innovare nel rispetto della tradizione, dell’attaccamento al territorio e la passione nella ricerca della qualità caratterizzano da sempre la filosofia dell’azienda Vertosan, ieri come oggi.
IL GENEPY

CENNI STORICI

Tra gli alpigiani delle nostre valli, l’utilizzo del Genepì ha storicamente rappresentato un diffuso metodo terapeutico conosciuto come “l’aspirine des montagnards” per la cura di molte patologie infiammatorie e digestive. Intorno alla fine dell’800, inizi del 1900, si diffusero in tutta la regione i tradizionali metodi di macerazione degli abitanti delle alte valli valdostane, che trasformano la preziosa erba in liquore, facendo del Genepì il distillato più caratterizzante della Valle d’Aosta.

METODO DI PRODUZIONE

Il liquore Genepì Valle d’Aosta si ottiene dalla macerazione/infusione delle piante di Artemisia in soluzione idroalcolica; altra modalità di produzione, detta per “autodistillazione”, consente di effettuare una estrazione ugualmente ricca di aromi e principi attivi ma con un colore scarico quasi latteo. L’Artemisia si coltiva oltre i 1500m sui terreni esposti a ovest e sopra i 1350m sui terreni esposti a est con acqua del territorio circostante. L’acqua usata per il genepì sgorga fresca dalle montagne della Val d’Aosta.